Archivi tag: Art. 5 Legge 898/1970

Adeguamento ISTAT dell’assegno di mantenimento

– Articolo già pubblicato in data 29.09.2011 –

Sono divorziato dal 22.09.2005 (omologazione divorzio) e verso la quota di 350,00 euro per il mantenimento solo di mia figlia oggi di anni 15. La mia ex moglie nel mese di febbraio 2010 a mezzo raccomandata non legale mi chiede gli arretrati e l’adeguamento ISTAT da me mai aggiornato. Secondo quale riferimento giuridico lei ha il diritto di avere ciò che chiede ora per allora? E’ possibile che gli arretrati non sono dovuti poichè da lei fino ad oggi mai chiesti  come avviene per i contratti di locazione? Inoltre mi chiede le spese di lezioni private scolastiche a mia figlia senza produrre ricevute fiscali e senza aver concordato nulla con il sottoscritto. A quale norma giuridica posso fare riferimento per evitare di pagare gli arretrati istat ? Grazie

A nessuna.

Mi spiego meglio: solitamente le sentenze di separazione o divorzio (ovvero di verbali omologati) prevedono l’aggiornamento automatico dell’indice ISTAT. Ciò significa, che la parte obbligata al pagamento dell’assegno ha l’obbligo di aggiornare in modo automatico l’assegno di mantenimento, senza che l’altra parte ne faccia richiesta.

In particolare, l’art. 5 della Legge sul divorzio 898/1970 recita che “la sentenza deve stabilire anche un criterio di adeguamento automatico dell’assegno, almeno con riferimento agli indici di svalutazione monetaria. Il Tribunale può, in caso di palese iniquità, eslcudere la previsione con motivata decisione.

Ciò significa, in parole povere, che l’adeguamente ISTAT deve essere espressamente escluso, e tale esclusione motivata, nella sentenza di divorzio per non essere applicato e, poichè non mi riferisci nulla di simile, non mi resta che escludere che sia il tuo caso.

Pertanto, sei tenuto a corrispondere anche se la tua ex moglie non te le ha mai richieste dato che l’aggiornamento opera in modo automatico. Per il futuro ti consiglio di provvedere automaticamente.

Quanto alle spese, bisogna vedere cosa è stabilito nella sentenza di divorzio: in pratica, dovete concordare le spese o no? L’affidamento è congiunto o esclusivo? Solo rispondendo a queste domande, è possibile cercare di rispondere alla questione da Te posta.

– Il presente articolo è già stato pubblicato in data 29.09.2011 e viene oggi ripubblicato. 

Tuttavia, da allora non ha subito modifiche e non si garantisce della sua attualità rispetto alle leggi attuali

Per avere maggiori informazioni sul tema trattato dal post e sulla sua attualità lasciate un commento qui sotto –

Lascia un commento

Archiviato in Famiglia, Figli, Mantenimento, Separazione e divorzio