Mio papà sta male e i miei futuri coeredi vogliono già vendere tutto

– Il presente articolo è già stato pubblicato in data 14.12.2011 e viene oggi ripubblicato. 

Tuttavia, da allora non ha subito modifiche e non si garantisce della sua attualità rispetto alle leggi attuali

Per avere maggiori informazioni sul tema trattato dal post e sulla sua attualità lasciate un commento qui sotto –

Mio papà è ricoverato in casa di cura da 3 anni con 100% alzheimer e parkinson,me ne sono occupato io nell’anno precedente affittandogli un alloggio vicino a casa mia e occupandomi di tutto,alimentazione,pulizia completa,gestione conto corrente e cura della persona..la casa dove viveva colla mamma,ahimè deceduta,una villa nell’astigiano ora vuota,è al 66% di sua proprietà,l’altro terzo è del fratello che minaccia di poterla già vendere per incapacità di intendere e di volere del papà, e comunque di volerla vendere al momento della sua morte.Io ho un fratello maggiorenne che non vede l’ora,come ha fatto appena tumulata la mamma,di poter vendere ed incassare una volta deceduto il papà.Posso e come oppormi a questa loro volontà,sia per la vendita imminente del volere dello zio e sia dopo la morte? La ringrazio per l’attenzione e mi auguro possa cortesemente rispondermi.

In questo momento il problema della vendita non si pone in quanto è necessario anche il consenso – e quindi la firma – di tua papà. Inoltre, se il comproprietario volesse ‘scavalcare’ tuo papà dovrebbe fare un ricorso al Giudice tutela per la nomina di un tutore o di un amministratore di sostegno, il cui scopo sarebbe quello di prendere le decisioni nell’interesse di tuo papà nei limiti del suo compito e comunque la vendita sarebbe un atto di straordinaria amministrazione che necessita l’autorizzazione del Giudice e non solo del tutore/amministratore.

Per il futuro, ossia quando tuo papà verrà a mancare, in realtà non puoi fare molto: è diritto di ogni erede chiedere lo scioglimento della comunione, tuttavia ai sensi dell’art. 732 cod. civ. il coerede che intende alienare la propria quota deve prima offrirla in prelazione agli altri eredi.

Nel caso in cui, pertanto, un domani i tuoi coeredi vogliano alienare le loro quote, l’unico modo che hai per mantenere la proprietà è acquistarle tu.

Lascia un commento

Archiviato in Famiglia, Successioni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...